Comune di Gratteri

Comunità religiose

Chiesa: MADONNA DEL ROSARIO (MATRICE VECCHIA)

Parrocchia
SAN MICHELE ARCANGELO
Indirizzo
Telefono
0921.429209
Prete
Sac. Francesco Richiusa
Recapito telefonico
0921.429209
Descrizione della chiesa
Anticamente dedicata a San Michele Arcangelo, e attualmente conosciuta come "Vecchia Matrice" fu costruita dalla famiglia Ventimiglia nella prima metà del XIV secolo, a ridosso del castello. Accanto alla chiesa, dentro la cinta dello scomparso castello dei Ventimiglia sorge il campanile parrocchiale, il quale ospita ben 7 campane di diversa grandezza, rinnovato nel 1925, dall'emerito cittadino gratterese, Carmelo Cirincione. Una di queste campane reca la data del 1390. Su quella grande si legge: «Joseph De Marco Panormi Fundit; Omnes Cristi Fidelis De Marco Panormi Fundit. Pro Matrici ecclesia anno 1830 Communis Gratteri». Sulla campana del Rosario si legge: «Premiata Fonderia Nobilione Napoli 1712. Donata alla Chiesa del Rosario dal sac. Giacomo Bellomo 1712 rifusa nel 1922 per devozione dell'arciprete Antonio Chichi». Alcuni elementi (sovrapposizioni di muri, due vuoti di alleggerimento nella muratura all'esterno dell'abside e un catino all'interno di essa circa tre metri dal pavimento), provano inoltre l'esistenza di una costruzione preesistente l'attuale edificio, ristrutturata e riadattata in seguito all'espansione urbanistica del paese intorno al 1500. La chiesa sorse probabilmente come cappella privata, comunicante col castello attraverso una porta laterale, oppure come riadattamento dell'antica chiesa di Santa Maria in Castro. Nell'edificio si conservava una reliquia con quattro spine della corona di Cristo. Le funzioni parrocchiali furono trasferite nel XIX secolo alla "Nuova Matrice". Attualmente è sede delle confraternite del Santissimo Sacramento (sotto il titolo di san Giuseppe) e del Rosario. La torre campanaria è stata rinnovata nel 1925 da Carmelo Cirincione. L'edificio si presenta a due navate, di cui quella destra è più grande dell'altra, divise da cinque pilastri in muratura con capitelli squadrati e una base cubica più larga, sui quali poggiano quattro archi a tutto sesto. È probabile però che il progetto iniziale prevedesse tre navate. La navata maggiore è più alta dell'altra, in modo da consentire l'apertura di otto finestre al di sopra delle arcate, ed è coperta da una volta a botte con vele in stucco in corrispondenza delle finestre. La navata minore presenta un tetto a capriate. Restano le tracce di un pavimento in mattoni di cotto di forma esagonale, mentre l'attuale pavimento è in ceramica.